Blefaroplastica cecità: si può rimanere ciechi?

La blefaroplastica è un bellissimo intervento di chirurgia estetica che ha come finalità quella di rimuovere la pelle e grasso in eccesso dalle palpebre. L’effetto conseguito con la blefaroplastica è certamente ottimo perché le palpebre pesanti conferiscono allo sguardo e quindi al viso un’aspetto stanco e poco brillante. La rimozione dell’inestetismo invece dona luminosità allo sguardo e toglie esteticamente alcuni anni al paziente.

Le complicazioni di questo intervento sono molto rare e spesso riguardano problemi temporanei di lacrimazione o secchezza oculare. A volte la cicatrice dell’escissione dell’eccesso palpebrale è più visibile di quanto desiderato. Ma la complicazione più temuta della blefaroplastica è certamente la perdita della funzione visiva dell’occhio. Continua a leggere

I capelli trapiantati non cadono

Chi si avvicina alla chirurgia estetica dei capelli spesso propone la seguente domanda: “Sono rimasto calvo in questa zona, se mi faccio il trapianto i capelli trapiantati cadranno?”. Si tratta di una domanda lecita con una certa logica sottostante elaborata di chi cura i propri capelli. Ad esempio se i capelli della chierica cadono, perché i capelli trapiantati nella chierica non dovrebbero cadere… La logica dovrebbe essere basata sul concetto che il “terreno” è arido (la chierica) per cui piantare un’altra piantina porterebbe allo stesso “tragico” finale. Il punto è che sono i follicoli nativi nella chierica (in questo esempio) ad essere geneticamente sensibili all’azione negativa del testosterone e del diidrotestosterone. Per cui prelevando i follicoli dalla corretta zona donatrice, non predisposta negativamente all’azione degli androgeni, non si hanno più le condizioni necessarie per la caduta dei capelli.

Continua a leggere

Blefaroplastica: Quale anestesia?

L’operazione di blefaroplastica, che ha come obiettivo la rimozione delle borse agli occhi formate da pelle e adipe in eccesso, può essere eseguita sia in anestesia locale (con o senza sedazione), sia
in anestesia generale. In generale la chirurgia estetica – essendo un specialità chirurgica dedicata alla correzione degli inestetismi del viso e del corpo – tende a scegliere procedure anestesiologiche meno invasive. Negli USA circa l’ottanta percento dei pazienti si sottopone agli interventi chirurgici estetici in anestesia locale abbinata a qualche forma di sedazione. Continua a leggere