In che modo un aumento del seno con una protesi influisce sulla maternità?

L’aumento del seno è uno degli interventi di chirurgia plastica più eseguiti. Uno dei principali dubbi delle donne quando si sottopone a un intervento chirurgico è come influisca sul tempo di essere madri, di allattamento, se compaiono o meno infezioni o i tempi di attesa più appropriati per poter pianificare sia l’intervento che la gravidanza.

Quanto tempo devo aspettare tra la gravidanza e l’aumento del seno?

Le pazienti non sanno con certezza cosa sia meglio, se sottoporsi ad un intervento chirurgico prima di avere figli o dopo, per alleviare gli effetti che la gravidanza ha sulla figura femminile.

  • Se sono appena diventata madre, quando posso ottenere un aumento? Ogni caso è diverso e tutti i corpi si riprendono al proprio ritmo. In generale è consigliabile di attendere almeno sei mesi dopo la fine del periodo di allattamento. In questo modo ci assicuriamo che il torace abbia subito tutti i cambiamenti che subisce durante questa fase.
  • Di recente ho subito un intervento chirurgico al torace. Quando potrò rimanere incinta? In questo caso se la paziente non ha subito complicazioni, il periodo di attesa per diventare madre è di solito di un anno. Questi periodi di tempo sono generali per tutti i pazienti, ma ognuno ha esigenze specifiche.
  • Quando è meglio sottoporsi a un’operazione al seno, prima o dopo aver avuto figli? La risposta a questa domanda varia a seconda di ciascun paziente e del momento in cui desidera avere figli. Se vuoi rimanere incinta in breve tempo, è meglio prendere in considerazione un intervento chirurgico dopo il parto, poiché il periodo di gravidanza può cambiare la regione mammaria. D’altra parte, se vuoi avere figli a medio o lungo termine, la decisione più consigliata è quella di avere l’aumento prima.

In che modo la gravidanza influisce sulle protesi mammarie?

Un’altra delle preoccupazioni più comuni è la possibile influenza della gravidanza sulle protesi mammarie durante la maternità. Il seno può essere infettato più facilmente? È possibile che la forma degli impianti venga modificata?

  • Il mio seno può deformarsi durante la gravidanza se ho delle protesi mammarie? Durante la gravidanza è normale che la forma del seno cambi e il suo volume aumenti, ma nessuno di questi cambiamenti influisce negativamente sulle protesi. Sebbene questa regione cambi, è molto probabile che non si verifichino deformazioni nell’area del seno. Nel caso in cui il paziente sia stato operato con la tecnica personalizzata dual plane la forma della scollatura rimarrà definita e la forma del torace modellata.
  • Ci sono più possibilità di infezione durante l’allattamento con un aumento eseguito con impianti? Durante l’allattamento è possibile soffrire di alcune infezioni come la mastite. Questa infezione può verificarsi in qualsiasi donna che ha subito una gravidanza, non si verifica più comunemente in coloro che hanno subito un intervento chirurgico.
  • La gravidanza ha conseguenze negative sulle protesi mammarie? Tutti i cambiamenti che si verificano nel seno non influiscono sugli impianti, quindi non subiscono complicazioni durante la gravidanza.

Cosa dovresti sapere sull’allattamento al seno e sull’aumento del seno

La prossima domanda molto frequente è il rapporto tra l’allattamento al seno e il silicone delle protesi, se è possibile che questa sostanza raggiunga il bambino attraverso il latte o se il neonato può essere allattato al seno dopo aver subito un intervento chirurgico al seno.

  • Il silicone è un composto dannoso durante l’allattamento? Molti pazienti pensano erroneamente che questa sostanza possa in qualche modo raggiungere il corpo del bambino. Non è possibile che il silicone danneggi il bambino durante il processo, perché i dotti lattiferi non sono interessati durante l’operazione di aumento . Per questo motivo il silicone dell’impianto non può essere trasmesso al bambino attraverso il latte materno.
    • Posso dare il latte al bambino se ho delle protesi? L’aumento del seno, eseguito da professionisti qualificati, non intacca il tessuto ghiandolare o i dotti responsabili dell’allattamento ponendolo sotto il muscolo e le ghiandole mammarie. Neanche l’incisione influenza negativamente il processo. Nel caso della tecnica trimodale, viene eseguita in modo tale da non intaccare in alcun modo il seno, quindi puoi allattare senza problemi.