I buoni propositi per l’anno 2016 : in testa “perdere i kg di troppo”.

La chirurgia estetica può aiutare nel realizzarlo Quando si conclude un anno, certamente si tirano le somme di ciò che è accaduto e ciò che si poteva lasciar perdere e si fa una valutazione di quanti dei buoni propositi sono stati rispettati , per poi redigere la lista per l’anno che viene. I propositi di massima più diffusi sono sempre uguali, molto spesso per il fatto che , poiché non sono realizzati , vengono ripresi. “Smettere di fumare ”, “ inventarsi una nuova occupazione ”, “ essere meno spendaccioni ”, “ cercare il partner perfetto”, “perdere i kg di troppo”.

Mentre le prime indicazioni si rivolgono a categorie determinate (fumatore , inoccupato , “mani bucate”, single ), quello di “perdere i kg di troppo” è un desiderio riferito da moltissime persone senza limiti di anagrafe o genere . Sia solo un kg, o che la condizione di salute fisica richieda un calo rilevante , la strada per “perdere i kg di troppo” appare quasi sempre impossibile . L’inizio è a gennaio, si fa una pausa a Pasqua, si prova con lo sprint finale in prossimità della stagione estiva , ma ormai è tardi, l’estate termina e il periodo natalizio arriva in un batter d’occhio .

Buona parte di chi ce l’ha fatta a mantenere tale volontà, ammette di aver fatto ricorso a piccoli aiuti più o meno rilevanti per arrivare al risultato sperato . Indicazione del medico nutrizionista, personal training , trattamenti in centro benessere e… liposuzione .

Quest’ultimo anno si è caratterizzato da un rilevante aumento della richiesta di liposuzione sia da utenza femminile sia di utenza maschile. Alt , mettiamo subito in chiaro un fatto : l’intervento di liposuzione non diventa un’alternativa alla perdita di peso , non ha come obiettivo “perdere peso” (o meglio , un lieve calo ponderale è normalmente conseguente all’aspirazione di volumi adiposi), ma per armonizzare il corpo .

Molto spesso si cerca di cominciare una dieta, si perde qualche kg, ma non nelle zone sperate e i vestiti continuano a star male addosso , quindi si lascia perdere tutto e si recupera tutto il peso , anche più di quanto perso, risultando un circolo vizioso. In alcune aree del corpo (maniglie dell’amore , torace , culottes de cheval), sebbene si provi con l’impegno nell’attività sportiva, permangono sempre spiacevoli accumuli adiposi che impediscono di provare confidenza col proprio corpo.

Che fare? La chirurgia plastica estetica, grazie alla liposuzione, permette di ri-armonizzare la forma e, poiché ci si vede subito meglio , si ha la motivazione per andare avanti con regime alimentare e training costante. Bisogna non dimenticare, per l’appunto, che l’intervento è un grande (spesso indispensabile ) supporto, ma che dopo è inevitabile l’impegno per mantenere e migliorare gli esiti.

Chi rimanda anno per anno il proprio miglioramento fisico , nel momento in cui fa affidamento al chirurgo , è ben determinato a investire ( oltre che economicamente ) a lungo termine . Già quasi subito dopo l’intervento , l’accumulo appare ridotto o non più presente (a seconda delle zone ) e nei mesi successivi l’esito è sempre meglio (se si seguono le prescrizioni e uno stile di vita sano ). Ma quando dopo l’intervento l’approccio mentale non si modifica ? Si riprende peso , è normale , ma il “grasso” non si posizionerà solo sui punti critici , ma si distribuirà con maggiore omogeneità.

La chirurgia plastica estetica non è più un argomento non trattabile: chiunque da molti anni , nonostante ogni sforzo , fa a pugni con il proprio corpo, può rivolgersi al chirurgo estetico per avere la spinta decisiva. L’obiettivo futuro sarà, quindi, “ conservare sempre questo peso ” e non più “ dimagrire ”.